I misteri del Castello dell'Isola di Capraia (seconda parte)

Secondo appuntamento con i risultati della ricerca archeologica ed antropologica durante i lavori di restauro del Forte San Giorgio dell’Isola di Capraia

Sabato 20 settembre nella sala consiliare del Comune di Capraia si è svolto il secondo incontro con gli studiosi che stanno portando avanti la ricerca archeologica ed antropologica sul Forte San Giorgio meglio conosciuto come il Castello di Capraia. Anche questa volta come nel febbraio di quest’anno la popolazione di Capraia ha riempito la sala consiliare per questo appuntamento con le radici della storia di Capraia.

Il Castello è uno dei simboli più importanti di Capraia, la costruzione del Castello, ad opera del Governo della Repubblica di Genova, è iniziata nel settembre del 1540 subito dopo la distruzione del centro abitato di Capraia da parte del Corsaro Turgut Reis (detto Dragut). Dal dicembre 2006 sono in corso i lavori di restauro e gli scavi archeologici sotto la direzione Prof. Marco Milanese docente di Archeologia Medievale dell’Università di Sassari e di Pisa. I lavori di restauro sono costantemente seguiti dalla Dott.ssa Silvia Ducci della Sovrintendenza ai Beni Architettonici ed Archeologici di Pisa.

Già a febbraio erano state presentate numerose scoperte archeologiche ed antropologiche, in questo nuovo appuntamento è stato fatto un aggiornamento sulle scoperte già fatte e ne sono state presentate di nuove. Il Castello sembra davvero una fonte inesauribile di storia e di storie su Capraia ed è già previsto un nuovo incontro durante la stagione invernale.

L’incontro di sabato è stato preceduto dal saluto del Vice Sindaco di Capraia ed introdotto dallo stesso Prof. Milanese che ha presentato nell’ordine i lavori del Dott. Antonino Meo, della Dott.ssa Mara Febbraio (archeologi) e della Dott.ssa Patrizia Olia (antrolologa). Ci sono stati numerosi attestati di gratitudine sia per la maestranze del cantiere, della proprietà e per i numerosi studenti e docenti che hanno collaborato. Il Prof. Milanese ha più volte citato il prezioso lavoro storico svolto dal Roberto Moresco sfociato in due recenti pubblicazioni sulla storia di Capraia.

Le foto che seguono sintetizzano lo svolgimento della presentazione. La prima foto ritrae il Forte San Giorgio durante i lavori di restauro, si noti la grande gru che dal 2006 ha cambiato il panorama di Capraia. Segue la foto dell’introduzione del Vice Sindaco con il Prof. Milanese, si noti sul tavolo della sala Consigliare la ricostruzione di uno dei 150 misteriosi scheletri (tutti di sesso maschile) recuperati in tombe comuni sotto il pavimento della ex chiesa (La Pieve) che era ospitata nel Castello fino al 1700. Il Prof. Milanese nella sua introduzione ha ricordato che a tutt’oggi tutto ciò che è stato scoperto è rimasto in Capraia e si tratta di una grande mole di reperti che necessitano di studio e di spazi sia per essere conservati che per essere presentati al pubblico. Il Prof. Milanese ha sollecitato un accordo di programma tra l’Università e l’amministrazione Comunale per recuperare degli spazi adeguati e per favorire la conservazione, lo studio e la catalogazione da parte di docenti ed allievi che si succedono e che si succederanno a Capraia nei prossimi anni.

Il Castello prima del Forte (a cura del Dott. Antonino Meo)

La ricerca che stà portando avanti il Dott. Meo riguarda la storia di ciò che c’era prima della costruzione del Castello. Ben poco si sà di ciò che Dragut ha distrutto nel suo furioso attacco e successivo devastante incendio. Prima del Castello c’era una fortezza Pisana ma sulla sua forma e struttura per ora vi erano solo congetture. Dagli ultimi scavi sono emerse numerose informazioni che hanno permesso agli archeologi di formulare alcune ipotesi su come fosse costruita e del perché sia stata facile preda del Corsaro Dragut. In sintesi all’epoca della sua costruzione nel 1200 ad opera della Repubblica di Pisa era una fortezza costruita allo stato dell’arte delle difese militari. Un muro alto ma sottile costruito senza badare a spese. Con l’evoluzione della armi da fuoco però ciò che era un muro perfetto per difendersi dagli assalti con scale è diventato obsoleto a causa della comparsa delle armi da fuoco e dei cannoni. Il muro dunque fu abbattuto dalla potenza delle armi da fuoco di Dragut. Una volta prodotto un varco a cannonate nel muro di cinta per il Castello Pisano e per i Capraiesi non c’è stato più niente da fare. Come se vede nelle foto gli archeologi hanno ricostruito al computer quella che poteva essere la struttura del Castello Pisano ed anche delle case presenti all’interno di esso. In un primo momento si trattava probabilmente solo di capanne di legno, solo in seguito sono state costruite vere e proprie case addossate allo stesso muro del Castello Pisano. Queste ultime furono quelle distrutte da Dragut. Nella costruzione del Forte San Giorgio data l’estrema distruzione che aveva causato l’assalto di Dragut ciò che restava del vecchio Castello Pisano è stato completamente inglobato come semplici detriti nella nuova costruzione e fino ad oggi non ne era emersa alcuna traccia. Il muro del Castello Pisano, che si vede colorato di giallo in una delle foto si trova alcuni metri all’interno dell’attuale bastione del Forte San Giorgio, rimane per ora l’unica traccia della imponente costruzione medievale.

Fra guerra e pace. Storia del Forte di Capraia dal 1540 alla seconda metà delll’Ottocento attraverso le fonti archeologiche (a cura della Dott.ssa Mara Febbraro)

La ricerca della Dott.ssa Febbraio si è incentrata sulla storia del Forte a partire dalla costruzione nel 1540. In particolare il bastione di scirocco, con vari edifici, la Pieve ed in particolare sul Bastione di Tramontana il magazzino del sale da cui sono emersi altri livelli di reperti una volta scavato il sito. Nel 1854 si verificò il crollo del lato a mare del castello che distrusse l’intero “quartiere delle donne”. Qui c’era la chiesa di S.Croce di cui è stato ritrovato solo l’angolo di un muro perimetrale. In questo crollo si è perso un quarto dell’intero castello e l’area del magazzino del sale sul bastione di tramontana è stata abbandonata perché considerata poco sicura.

Il Prof. Milanese ha presentato una ricerca sulla vita quotidiana a partire dagli scavi sul retro della casa del Commissario. Grazie ad un documento nel quale si chiedeva la sistemazione dell’area alle spalle dell’edificio si è potuto sapere che il castello nel 1682 era abitato ormai solo da militari (11), da poche famiglie di militari e da 6 vedove. In sostanza già in quella data era nato il Borgo fuori dal Castello in sostanza l'odierno paese. Durante il risanamento dell’area alle spalle della casa del Commissario sono stati abbattuti i numerosi edifici ormai fatiscenti e tra le macerie sono state trovati numerosi manufatti (brocche e vasi) anche integri oltre a resti di cibo (gusci di ostriche della corsica, carapaci di tartarughe marine) e vari utensili.

La Dott.ssa Olia ha presentato uno degli scheletri ritrovati nelle sepolture comuni della Pieve dai quali si possono ricavare con studi sempre più accurati informazioni preziose sulle caratteristiche della popolazione Capraiese dell’epoca. Dalle prime analisi si ricava che gli uomini erano quasi tutti impegnati in attività faticose, erano robusti di costituzione ed avevano danni a carico delle articolazioni. L’età dei defunti và da 0 a 70 anni e per il sesso (come già raccontato nella prima presentazione di febbraio 2008) erano tutti maschi. Le tombe erano tutte tombe comuni ma si possono suddividere in tombe ordinate e tombe disordinate. Queste ultime, forse per una epidemia riportata in un documento dell’epoca, testimoniano una grande urgenza di seppellire un numero sempre crescente di corpi.

Rimane il mistero dell’assenza delle donne. Che siano state sepolte nella scomparsa chiesa di S.Croce crollata per intero nel 1854? Tra i misteri rimasti irrisolti c’è anche la fine della ex Badessa della Chiesa di S.Croce rimasta per lunghi anni prigioniera della Chiesa della Pieve ormai deserta e riservata solo alla sua prigionia. Di nuovo sembrano affiorare riscontri oggettivi alle leggende sui fantasmi di donne che ogni tanto compaiono sui bastioni del Forte  S.Giorgio dell'Isola di Capraia.

Le ricerche continuano e tra qualche mese ci sarà un nuovo aggiornamento.

Fabio Guidi [ Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ]

 

Vedi: I misteri del Castello dell'Isola di Capraia (prima parte) - Capraia e la Repubblica di Genova - Il Corsaro Dragut - La Chiesa di San Nicola - Pirati e Corsari nei Mari di Capraia - Le Cartoline storiche del Forte San Giorgio

 

How to choose the best web hosting company and put your business to the next level.
Joomla Templates designed by Joomla Hosting