Cenni sulla parziale privatizzazione delle fortificazioni genovesi di Capraia

COMUNE DI CAPRAJA, PROVINCIA DI GENOVA (1861-1925) CENNI SULLA PARZIALE PRIVATIZZAZIONE DELLE FORTIFICAZIONI GENOVESI DI CAPRAIA

di Fausto Brizi

Premessa 

Le vicende riguardanti la privatizzazione di alcune delle antiche fortificazioni genovesi dell’isola di Capraia (Arcipelago Toscano) non sono mai state oggetto, prima d’ora, di particolare attenzione da parte degli studiosi di storia locale anche se in questi ultimi tempi l’interesse per questi pregevoli manufatti militari e’ notevolmente aumentato in concomitanza con l’avvio di iniziative, sia pubbliche che private, volte al loro pieno recupero e, con la contestuale affermazione, presso le istituzioni locali, di un orientamento volto a valorizzare con maggiore convinzione le emergenze storico-architettoniche dell’isola e favorirne così una più ampia e consapevole fruizione a fini turistici e culturali. Con questo primo articolo si vuole pertanto dar conto soltanto di alcuni particolari momenti nell’ambito delle secolari e complesse vicende che hanno interessato due delle più importanti fortificazioni capraiesi, la Torre dello Zenobito e (soprattutto) il Castello di San Giorgio ossia di quelli in cui avvenne la loro cessione ai privati. L’alienazione, avvenuta nel 1884 per la torre e nel 1903 per la fortezza, seguì alla radiazione di ambedue gli immobili dall’elenco delle opere fortificate del Regno decretata già nel tardo 18663 e alle successive decisioni, da parte del Ministero delle Finanze, di metterle entrambe all’asta, sebbene in tempi diversi, al fine non tanto di trarre lucro dalla loro vendita, bensì di eliminare possibili fonti di spesa improduttiva. Come detto, la privatizzazione delle opere di difesa dell’isola non coinvolse tutte le fortificazioni genovesi: la Torre del Porto (o della Grotta, edificata nel 1541) e quella delle Barbici (o della Teglia, risalente al 1699) furono infatti comprese, a partire dal 1873, fra i beni immobili di proprietà della locale Colonia Penale Agricola, e, in quanto tali, furono destinate dall’amministrazione carceraria ad usi perlopiù impropri e discontinui, e, come nel caso della Torre delle Barbici, presto abbandonate al completo degrado. [...]

Leggi il testo integrale in formato PDF

Il disegno del 1901 della Torre del Porto mette in evidenza una garitta che in seguito è crollata. 

Vedi anche: Le Fortificazioni di Capraia - La costruzione della torre dello Zenobito - I misteri del Castello dell'Isola di Capraia

 

 

How to choose the best web hosting company and put your business to the next level.
Joomla Templates designed by Joomla Hosting