Isola di Capraia: Maggio: La Cineraria di Cala Rossa

Sample Image

Fine maggio, la Cineraria Marittima dipinge di giallo le rosse colate laviche del vulcano dello Zenobito e della Cala Rossa.

La Cineraia Marittima (Senecio cineraria DC., Astaracee) occupa la fascia costiera dell'isola nella parte alta delle coste rocciose fra 10 e 80 m di altitudine.

Vedi anche: Giugno: La Cineraria Marittima

 

Isola di Capraia: Maggio: La Linaria di Capraia

Sample Image

Maggio

La Linaria di Capraia (Linaria capraria Moris et De Not.) è una pianta rupicola, endemica delle isole dell’Arcipelago Toscano. Fiorisce da Maggio lungo le coste ma anche in paese nei vecchi muri e lungo la strada del porto.

 

Isola di Capraia: Maggio: Il Fiordaliso di Capraia

Sample Image

Maggio

Il Fiordaliso di Capraia (Centaurea gymnocarpa) è una pianta endemica (cresce solo a Capraia) che fiorisce a partire da Maggio. Una pianta così rara è però facilmente ammirabile lungo la strada provinciale che unisce il porto con il paese. Numerose piante sono visibili sulle rocce a picco sulla strada all'altezza dello "specchio".

Il Fiordaliso di Capraia è tra le 50 piante più rare (ed in pericolo) delle isole del mediterraneo nella classifica dell'IUCN (The World Conservation Union)

Vedi anche: Scheda Scientifica (In Inglese)

 

Isola di Capraia: Aprile - Maggio: Il Cisto Marino

Sample Image

Aprile - Maggio

Il Cisto marino (Cistus monspeliensis) è un arbusto appartenente alla famiglia delle Cistaceae tipico delle associazioni floristiche cespugliose o arbustive mediterranee.

La pianta ha un portamento cespuglioso ed eretto, alta da 50 a 120 cm, con corteccia bruna. Le foglie sono lineari-lanceolate, sessili, tomentose e collose al tatto, con margine revoluto.

I fiori sono riuniti in piccoli racemi, hanno simmetria raggiata e diametro di 1,5-2 cm. Il calice è composto da cinque sepali liberi, disuguali. La corolla è composta da 5 petali liberi, di colore bianco, con una piccola macchia gialla alla base. L'androceo è composto da numerosi stami con filamenti brevi, inseriti sul ricettacolo. L'ovario è supero, sormontato da un breve stilo.

Il frutto è una capsula ovoidale, contenente più semi.

Il Cisto marino è una tipica pianta mediterranea piuttosto comune nelle associazioni cespugliose degli ambienti mediterranei, specialmente in zone soleggiate e aride. Si adatta bene a condizioni pedologiche difficili, vegetando su suoli sterili, grossolani e dotati di scarsa potenza. Vegeta nella macchia mediterranea bassa, nelle sporadicamente nella gariga, spesso in prossimità delle zone costiere.

E' il tipico rappresentante della macchia a cisto, associazione monofloristica o a larga prevalenza a cisto che si estende spesso su vaste superfici, indice di degradazione della vegetazione mediterranea. Ricopre facilmente le aree percorse da incendi in quanto i semi hanno la capacità di resistere alle alte temperature, permettendo alla specie una rapida colonizzazione dell'area.

Il cisto marino ha un ciclo vegetativo autunno-primaverile, con attività vegetativa intensa nel periodo primaverile, che culmina con la fioritura nei mesi di aprile-maggio. Nel periodo estivo entra in riposo vegetativo a causa delle condizioni siccitose proibitive riprendendo l'attività solo con le piogge autunnali. Durante il riposo estivo l'habitus diventa tipicamente xerofitico, perdendo buona parte del fogliame. Per questo motivo la macchia a cisto ha una tonalità grigio-bruna in estate determinata dalla colorazione della corteccia.

Fonte: Wikipedia

 

Pagina 6 di 158

«InizioPrec.12345678910Succ.Fine»
How to choose the best web hosting company and put your business to the next level.
Joomla Templates designed by Joomla Hosting